Cos’ è l’ipnosi medica?

L’ipnosi è una tecnica di medicina naturale, conosciuta da secoli. Con l’ipnosi II terapeuta permette al paziente di raggiungere uno stato di trance. Una particolare condizione della coscienza in cui si è molto più sensibili ai suggerimenti esterni.

Cosa è la trance?

È una particolare condizione della coscienza, una specie di equilibrio tra veglia e sonno. La trance permette di entrare in contatto in maniera piacevole e rilassata con l’inconscio.

A cosa serve la trance?

In trance il paziente distoglie l’attenzione da particolari eventi negativi, dolori, abitudini o paure.

E in trance egli trova le proprie risorse “riparatrici”.

Come entrare in trance ?

Il terapeuta aiuta a concentrare l’attenzione del paziente su un punto specifico (induzione) poi, in trance, lavora con i suggerimenti utili a risolvere lo specifico problema.

Come funziona l’ipnosi?

Immagini che la soluzione a determinati problemi si trovi in un cassetto chiuso in profondità del corpo. Il terapeuta, con la trance, aiuta a trovare la chiave di questo cassetto e accompagna nella scoperta del suo contenuto.

A chi può servire l’ipnosi medica?

Nei bambini l’ipnosi medica può servire per:

  • disturbi del sonno
  • disturbi della continenza di urine e/o feci
  • disturbi dell’alimentazione
  • disturbi della concentrazione (scuola, gare sportive)
  • paure, fobie ( animali, aghi, rumori...) e tic
  • iperattività
  • disturbi del linguaggio
  • mal di viaggio (cinetosi)
  • dolore psico-somatici
  • disturbi dell’alimentazione
  • onicofagia (mangiarsi le unghie)

Negli adulti può aiutare per:

  • smettere di fumare
  • paura di volare
  • controllo del dolore
  • ansia e depressione
  • disturbi sessuali
  • parto naturale
  • claustrofobia

In trance si perde il controllo di se stessi?

Assolutamente no. La coscienza è sempre vigile e la persona libera di entrare e di uscire dalla trance in qualsiasi momento.

Ma tutti possono andare in trance?

Si, se si vuole! Bastano una normale capacità di concentrazione e la giusta motivazione (aspettativa positiva).

E l’auto-ipnosi?

Con il tempo e con l’esercizio, il paziente è poi in grado di raggiungere da solo stati di trance anche profonda.

È vero che con l’ipnosi si può essere operati senza anestesia?

Dipende da quale intervento si deve subire.

L’ipnosi permette di diminuire le dosi di anestesia in determinati intementi non urgenti, in chirurgia ambulatoriale, dal dentista o per procedure invasive (punzione lombare, gastroscopia).

È un valido aiuto per le doglie del parto. Importante ricordare che l’ipnosi non fa cessare il dolore ma aumenta la capacità di accettarlo, sopportarlo e “re-inquadrarlo” volgendo l’attenzione altrove.

Come funziona con i bambini?

I bambini sono particolarmente ricettivi all’ipnosi che fa leva sulla loro grande capacità immaginativa, sulla fantasia e sulla creatività.

L’ipnosi permette al bambino di trovare il suo “rifugio sicuro” (the safe place) dove si sente felice e tranquillo. L’esperienza è piacevole e il bambino diventa consapevole delle sue “risorse riparatrici” nascoste.

A partire da che età i bambini possono beneficiare dell’ipnosi medica?

E’ difficile prima dei 3 anni; il periodo più favorevole va dai 6 ai 15 anni.

Chi è il terapeuta?

L’ipnosi medica è riconosciuta dalla FMH (Federazione Medici Svizzeri) come formazione approfondita; può essere praticata solo da terapeuti diplomati (medici, psicologi, dentisti).

È pagata dalle casse-malattia?

Si, se praticata da terapeuti formati e riconosciuti dalla FMFL

Quanto dura la terapia?

La durata della terapia varia in funzione del problema da risolvere. La terapia verrà terminata d'intesa con il terapeuta.